dic.
01
2022

Tahiti, il viaggio di una vita
01 dic. 2022
da misterb&b

Tahiti, il viaggio di una vita
Piroghe © Raymond Sahuquet

Lì, all'altro capo della terra, nel cuore del Sud Pacifico, si trova una terra mitica. Tahiti... L'isola alla fine del mondo per eccellenza, il sogno di una vita, il simbolo assoluto ed eterno del paradiso in terra, lo scenario perfetto per le tue più tenere vacanze a due. Non appena arrivi, preparati ad uno sconvolgimento dei sensi.

Prima i colori: i blu delle lagune, le variazioni del corallo, il bianco delle sabbie, il verde della lussureggiante giungla delle montagne. E le perle nere.

Poi gli odori. Ubriacarsi di vaniglia, annegare nel profumo del fiore di tiaré, soccombere al profumo del monoi. Respira.

Senti anche come la sabbia rosa scorre tra le tue dita. Tocca la pelle satinata, appesantita dal monoi, decorata con i misteriosi disegni dei tatuaggi Maohi che gli dei hanno insegnato agli uomini, gelosi di tale bellezza.

Assaggia i frutti tropicali, il cocco, le salse alla vaniglia che accompagneranno il tuo pesce. Osa provare nuovi sapori.

Tahiti gay mygaytrip
Bora Bora © T. McKenna

Natura, cultura, romanticismo
Infine, lasciati andare ai suoni della Polinesia. Per prima cosa, la lingua di rotolamento. E poi le canzoni, il suono dell'ukulele, i ritmi delle percussioni che accompagnano i ballerini tradizionali, così sensuali.

Ecco, in poche immagini, la magia in cui ti immergerai. Tra lagune e palafitte, la realtà di questa terra è all'altezza del mito: paesaggi da cartolina, abitanti caldi e sorridenti, per un viaggio esclusivo e autentico che unisce natura, cultura e romanticismo.

Qui ci sono 5 arcipelaghi, distribuiti su un'area grande come l'Europa e così distinti tra loro: le Isole della Società, prima di tutto, isole alte, con le loro montagne (fino a 2000 m), le loro lagune e le loro barriere coralline. Atterrerai a Papeete, la capitale amministrativa di Tahiti, dove vivono due terzi della popolazione.
Se hai un po' di tempo a disposizione, non rifuggire dalla città, vale la pena fermarsi.
Moorea, con i suoi picchi vulcanici, si trova a breve distanza.
Un po' più in là, un nome direttamente dal paradiso: Bora Bora, la perla del Pacifico, incastonata nel cuore della sua laguna...

tahiti gay mygaytrip
Polinesiani tatuati © F. Charreard - Ballerina del gruppo "O Tahiti E" © L. Pesquié - Polinesiano © tim-mckenna.com

Le Tuamotu, poi, isole basse, tra cielo e mare, la cartolina polinesiana per eccellenza: atolli, sabbia rosa, lagune dentro i motu (isolotti). È un paradiso per i sub, con alcune delle riserve acquatiche più belle del mondo, come nella laguna blu di Rangiroa. Con o senza vasche, puoi condividere momenti magici con mante, squali di barriera, tartarughe o barracuda.

Più avanti, le Marchesi, isole alte, selvagge e potenti. Qui non ci sono lagune, ma la cultura polinesiana originale, quella che ha sedotto Gauguin o Brel.

Più a sud ci sono le Australi, con le loro ripide scogliere, dove puoi osservare le balene da luglio a ottobre.

Infine, i Gambiers, totalmente sconosciuti ai turisti.

Una sosta a Los Angeles
Quindi come si fa a decidere? La durata ideale consigliata per un viaggio così lontano è da 12 a 20 notti in almeno 2 arcipelaghi, con un minimo di 3 isole e un atollo, per scoprire più paesaggi possibili. Sta a te scegliere quelli che meglio si adattano ai tuoi desideri: ozio, sport acquatici, immersioni, escursioni, parasailing, pesca, ecc.

Anche il viaggio vale la pena, un volo di 22 ore da Parigi su Air Tahiti Nui, con uno scalo a Los Angeles, dove ti consigliamo di fermarti per qualche ora o anche qualche giorno al tuo ritorno, per ammortizzare la discesa dal paradiso...

tahiti gay mygaytrip
Rangiroa © Philippe Bacchet

Quindi la Polinesia è una destinazione gay?
Sicuramente gay-friendly, sì! I grandi esploratori del XVIII secolo furono già sorpresi dalla presenza dei mahu, questi uomini/donne così particolari della cultura polinesiana, molto difficili da tradurre in inglese.la presenza di questi uomini/donne, così particolare nella cultura polinesiana, è molto difficile da tradurre nei nostri concetti occidentali e ha sostenuto per secoli la fantasia della multisessualità polinesiana: i mahu, ragazzi cresciuti come ragazze, molto effeminati, oscillano tra gay, travestiti o transessuali per alcuni. Li incontrerai spesso nel settore alberghiero o della ristorazione.
Anche se hanno un posto reale nella società polinesiana, sentirai anche il termine rae rae (che significa "re-re"), con una connotazione molto più sessuale e peggiorativa.

In Polinesia, un territorio francese, il Pacs non può ancora essere registrato, anche se è ben riconosciuto e applicato lì.
E se la Chiesa sa come far sentire le sue chiare posizioni sull'omosessualità, la maggior parte dei grandi hotel e resort di lusso ti offrirà cerimonie di matrimonio simbolico, anche se non hanno il diritto di farlo.la chiesa è molto esplicita sulla sua posizione sull'omosessualità, ma la maggior parte degli hotel e dei resort di lusso offrono cerimonie di matrimonio simboliche, o anche cerimonie di matrimonio tradizionali polinesiane, con nomi polinesiani, benedizioni, tatuaggi e corone di fiori.

Tahiti gay mygaytrip
hotel InterContinental

Crociere gay di lusso di Paul Gauguin
Ma non cercare nessun locale gay, eccetto il Klub molto amichevole, a Papeete, ex Piano Bar. Nel 2009, la stampa locale ha riferito della prima festa gay in assoluto a Tahiti, quando una crociera gay sulla Paul Gauguin si è fermata a Papeete. La Paul Gauguin continua ad accogliere regolarmente gruppi gay e lesbiche per crociere da sogno nel Pacifico, l'antitesi delle crociere gay americane nei Caraibi.

Tuttavia, non verrai in Polinesia per fare festa e vagare da un bar all'altro.
La Polinesia rimane una destinazione costosa ed esclusiva, un viaggio unico che condividerai con il tuo partner, per celebrare la vostra unione, per dire o ripetere il vostro amore, per vivere un po' di paradiso sulla terra. Al ritmo del sole, toccherai la fine della terra.

Così, prima di tornare, andrai alla spiaggia un'ultima volta e getterai una collana di fiori nell'oceano, assicurandoti che la corrente la riporti a te. Una garanzia che tornerai. Un giorno.

Weere, il tuo compagno di viaggio by misterb&b

Weere è la nuova funzione di misterb&b che collega la comunità LGBTQ+ globale. Cercate tra i locali e i visitatori LGBTQ+ e connettetevi per esplorare insieme. Trovate un compagno dall'altra parte della strada o del mondo con cui condividere l'avventura. Iscriviti e avrai la possibilità di pubblicare il tuo viaggio in una comunità di oltre 900.000 persone. Iscriviti gratuitamente o accedi con il tuo account misterb&b.

Rimani in contatto
Instagram Facebook Twitter

Indipendentemente da dove ti rechi, non dimenticare di aggiungerci su Instagram, Facebook e Twitter e di condividere le tue foto di viaggio utilizzando l'hashtag #ExperienceYourPride. Condivideremo le foto migliori con la nostra comunità globale di viaggiatori LGBTQ+! Condividi la tua storia di ospitalità o Local Tips le cose da fare nella tua città e crea un video per promuovere il tuo annuncio. Interessato? Allora inviaci un'e-mail a stories@misterbandb.com e ti risponderemo.

Annuncio pubblicitario
Soggiorna da gay a...
-
Annuncio pubblicitario